Chi sono?

jessica malfatto

Cosa fai nella vita?

Quando mi fanno questa domanda la prima risposta che mi viene in mente è “Aiuto le aziende a raccontarsi e a raccontare“.

Ma torniamo indietro di qualche anno, quando ho cominciato a costruire le basi per poter arrivare a fare il lavoro che avevo sempre desiderato.

Ora ho 30 anni, ma ho iniziato a muovere i primi passi nel mondo giornalistico appena terminato il liceo.

Collaboravo con settimanali e quotidiani locali (abito vicino a Milano) e intanto lavoravo per alcune agenzie letterarie, preparando schede editoriali di manoscritti inediti. Mi dividevo tra lo studio (Lettere Moderne), lo sport, la scrittura e le mie passioni (che coincidevano – fortunatamente – con i lavori che stavo portando avanti).

A 20 anni ho vissuto un’esperienza in una redazione giornalistica del Gruppo Caltagirone, a 21 anni sono entrata in un’azienda incubata all’interno di PoliHub (Progetto della Fondazione Politecnico di Milano), in cui mi occupavo di comunicazione e marketing online e successivamente (dopo un Master di IAB) ho lavorato come Digital Media Specialist in H-ART (ora parte di Akqa, una delle più grandi agenzie di pubblicità e digital media).

Nel frattempo avevo avviato un blog letterario con un progetto che ha raggiunto scuole e biblioteche di tutta Italia (Hey, leggiamo?), ho partecipato a diversi concorsi di scrittura creativa (classificandomi in oltre 100 di questi – nazionali e internazionali -, tra cui il Campiello Giovani e il Premio Cesare Pavese) e ho pubblicato due libri con Historica Edizioni “Viaggio nella nuova imprenditoria” (Historica, 2014) e “Innovare nella ristorazione” (con Alessandro Coltro, casa editrice Historica, 2015).

Ma in tutto questo c’era qualcosa che mancava. Non stavo vivendo la vita che desideravo e non mi sentivo pienamente libera.

Perché?

Mi sono posta questa domanda centinaia di volte. La risposta? Volevo più stimoli professionali, volevo cambiare modo di lavorare (e di vivere, di conseguenza) e volevo essere libera di scegliere dove, con chi e quando svolgere la mia attività.

Così, ho deciso di “dire no” al posto fisso in azienda o in agenzia e nel 2014 ho intrapreso un percorso come libera professionista, come Digital PR specialist, abbracciando un modo di lavorare che mi aveva permesso da subito di poter seguire più progetti.

Ho seguito diversi clienti, in differenti campi (dal food allo sport, dalla moda al recruiting) e, in particolare, ho collaborato come Digital PR specialist con imprese tradizionali e startup tra cui iubenda (tra le 11 migliori startup italiane, secondo Business Insider), Jobyourlife, Cibando (ora Zomato), Seta Capital, Mosaicode, Eunova, QUID, GoGoBus, Wardroba, Ottomedia Srl, Wishraiser (seguendo il progetto del lancio di una campagna di raccolta fondi con Giorgio Chiellini), BRAIN e Unixstickers (startup scelta dal colosso Sticker Mule per il lancio dei loro prodotti nel mercato europeo).

Ho lavorato, inoltre, per progetti legati alla formazione, per Poste ItalianeTalent Garden e AFOL Milano.

jessica malfatto

Ho collaborato, infine, come Responsabile PR Italia per l’agenzia pubblicitaria Jezz Media, con sede a Barcellona, Madrid e Tenerife.

Nel 2016, grazie al lavoro che continuava ad aumentare e alle molte richieste, ho deciso di aprire – con il mio socio, Stefano Tagliabue – una piccola agenzia di Digital PR, Digital PR pro, che si occupa di consulenza operativa, strategica e di formazione nel campo delle Digital PR.

Nel frattempo, nel mese di ottobre 2017 è uscito il mio libro “Strategie di Digital PR per startup” (Dario Flaccovio Editore).

Dal 2016 al 2019 all’interno dell’agenzia abbiamo lavorato in due, io e Stefano. Con l’aiuto di qualche collaboratore esterno. (e nel 2018 abbiamo lanciato anche un progetto di formazione: la prima scuola online di digital PR e media relations in Italia, PR School).

A gennaio 2019, però, è cambiato tutto.

jessica malfatto

Abbiamo deciso di cambiare, di fare un altro passo avanti.

Così, abbiamo trasformato la nostra impresa da ditta individuale a SRL (Your Story SRL) e abbiamo iniziato ad assumere le prime persone.

Oggi siamo in 6 persone, full time (+ tre collaboratori esterni)  e la nostra agenzia continua a crescere, non si ferma, e lo fa in modo sano, controllato, equilibrato. Un piccolo sogno, un’avventura pazzesca.